Marketing

Google: RankBrain è il fattore di posizionamento più importante (dopo altri due)

Google RankBrain
Contenuto curato da Massimo Chioni

Se lavori con il SEO o lavori con il marketing on line è probabile che tu già sappia cosa sia il RankBrain di Google.

In questo articolo daremo un'occhiata più da vicino per capire come funzioni RankBrain, che è stato classificato come il terzo fattore di ranking più influente su Google.

Vedremo perché è stato creato, cosa fa e come fa quello che fa.

E come chi lavora sul web può usarlo per migliorare il proprio lavoro.

Che cos’è RankBrain?

RankBrain è uno dei primi 3 fattori di ranking, questo lo abbiamo detto ed è un programma di intelligenza artificiale (AI) utilizzato per aiutare a elaborare le query di ricerca di Google.

Ma come funziona?

Se RankBrain vede una parola o una frase con cui non ha familiarità, può fare un'ipotesi su quali parole o frasi potrebbero avere un significato simile e filtrare il risultato tramite queste ipotesi inserite in automatico.

Il programma è in grado di farlo perché monitora ogni singolo termine di ricerca che si verifica e vede quali risultati sono quelli più cliccati. È in grado di apprendere e riconoscere nuovi modelli, quindi è sempre in evoluzione.

Quanto è importante usare RankBrain?

Google ha centinaia di fattori di ranking che determinano quali risultati vengono visualizzati e in che posizione si trovino.

La priorità principale di Google è, però, quella di soddisfare quanti più utenti possibile.

Quindi invece di fare spam senza senso è proprio Google a dare degli strumenti atti a restare leader nella ricerca.

Sempre aggiornamenti con Google

Ai vecchi tempi del SEO i webmaster erano molto facilitati nell’avere un ranking avanzato nel motore di ricerca di Google.

Ora è molto più difficile ma c’è sempre un modo che si può trovare per aggirare gli algoritmi e gli aggiornamenti di Google. Basta tempo per capire come fare. Proprio per questo

Google si è reso conto di avere un problema e ha cercato di risolverlo.

La nascita di Google RankBrain

Google RankBrain è sempre in aggiornamento ed è in grado di imparare informazioni e connessioni tra le varie ricerche. Se una persona, ad esempio, ha cercato il "marchio del caffè con il logo della sirena" e qualcun altro ha cercato "il logo Starbucks con una sirena" ed entrambi gli uteti hanno cliccato sullo stesso risultato, RankBrain inizierà a pensare, da solo, che questo deve significare che Starbucks ha una sirena in il suo logo

Quindi, in futuro, se qualcuno esegue una ricerca per il logo della sirena, RankBrain sarà in grado di fornire risultati pertinenti basati su Starbucks.

RankBrain monitora l'esperienza utente

L'esperienza utente è una parte vitale del business di Google e RankBrain monitora altri segnali per valutare ciò che gli utenti stanno davvero cercando.

I quattro principali segnali sono:

Percentuale di clic

RankBrain monitora i risultati visualizzati e registra la percentuale di clic ottenuta da ciascun risultato, prima di utilizzarlo per determinare le classifiche future. Se il sito Web nella posizione 5 ottiene costantemente una percentuale di clic superiore rispetto alla posizione 4, RankBrain inizia a pensare che la posizione 5 sia un risultato più pertinente e lo farà salire alla posizione 4.

Frequenza di rimbalzo

RankBrain monitora anche la frequenza di rimbalzo che ogni risultato ottiene una volta che gli utenti ci hanno cliccato sopra. Un'alta frequenza di rimbalzo segnala a RankBrain che forse quel risultato non è del tutto all'altezza.

Se un utente rimbalza su un sito per poco tempo quel sito non è quello giusto.

Tempo di pausa

Questo termine indica quanto tempo un utente spende sul sito Web dopo aver fatto clic sul risultato. Se un sito è molto cliccato e ha le risposte che l’utente cerca allora quello è un sito giusto.

Pogo Sticking

Il Pogo Sticking succede quando un sito è ben posizionato su Google, ma questo non genera un traffico di qualità. Ciò significa che se l’utente trova una serie di argomenti che non interessano e perde tempo difficilmente tornerà su quel sito.  Questo avanti e indietro è un risultato molto interessante per RankBrain.

Se Google, infatti,  nota che le persone lasciano rapidamente una pagina per fare clic su un risultato di ricerca diverso, questo invia un messaggio forte a Google: "Quella pagina non è una pagina che lavora onestamente!". Questo manda il sistema in allarme e probabilmente il sito verrà chiuso nel giro di poche ore o pochi giorni.

Come ottimizzare un sito per migliorare il RankBrain

Aggiungi titoli accattivanti, tieni gli utenti impegnati sul tuo sito, scrivi bene, non scrivere solo per ottenere il tuo ranking, aggiungi anche contenuti interessanti. Questa è la vera possibilità di restare in alto perché prendersi cura del proprio sito è come prendersi cura del proprio corpo e della propria salute.

C’è bisogno di attenzione, non solo di trucchetti.

Lascia un commento

Siamo media partner del Web Marketing Festival!

Acquista il biglietto entro la mezzanotte di venerdì 24 utilizzando il nostro codice sconto: wmf199emed.
Potrai usufruire del prezzo ridotto di €199+iva (anziché €249+iva)