Marketing

L'introduzione dei Reel su Facebook

Reel Facebook
Contenuto curato da Stefania Spoltore

A quanti di noi capita di guardare qualcosa di molto interessante o di stupendo nei Reel di Instagram, per poi scorrerne altri ancora meglio del precedente e passare ore intere sul social network?

I reel rappresentano un ottimo strumento che permette di scoprire quali sono le ultime tendenze di un determinato settore, come realizzare una ricetta, quali sono gli outfit perfetti per l’estate ma anche per divertirsi all’insegna di video ironici. 

La particolarità dei reel è proprio la durata breve dei video che, quando vengono realizzati nel modo corretto, permettono di acquisire un pubblico molto ampio e di ottenere un gran numero di reazioni. Per questo motivo dalla loro integrazione su Instagram, questi brevi video sono diventati in poco tempo lo strumento di maggior uso sul social network.

Vista la loro popolarità, META ha ben pensato di integrare questa funzionalità popolare anche su Facebook, così da permettere al social network di tornare ad essere al passo con tutti gli altri social più utilizzati dai giovani e dai Content Creator come, Instagram e TikTok. 
Così, da poche settimane, Facebook permette non solo di scorrere i reel ma anche di crearli direttamente dall’app. Scopriamo insieme come funzionano i reel di Facebook e quali sono le prossime novità che Meta ha in serbo per noi.

Reel di Facebook: ecco come funzionano

Gli utenti di Facebook stavano aspettando questa possibilità da tanto e META non ha solo aggiunto la possibilità di poter scorrere la home feed dei reels ma permette anche di “remixare” i video degli altri utenti, duettare e mandare in upload dei clip della durata massima di 60 secondi, proprio come possiamo fare su Instagram.

É possibile anche salvare le bozze delle clip per poterle editare in seguito. META ha dichiarato che questa particolare funzionalità sarà ulteriormente integrate con nuove aggiunte come i ritagli video e strumenti utilissimi per tutti i Content Creator che vorranno pubblicare video live o di lunga durata. Tutte novità utili per testare le nuove idee di contenuti video.

La società, in realtà, ha spostato per la prima volta l’attenzione di Facebook verso i creator offrendo la possibilità di creare reels animati da musica vierale o con audio personalizzati  ed effetti video. Si tratta di un grande passo per il social network che fino ad oggi ha dedicato l’attenzione esclusivamente alle imprese e agli utenti presenti sulla piattaforma, tralasciando le necessità dei Content Creator che, per ragioni evidenti a tutti, hanno spinto le loro competenze su altri social network.

Su Facebook, questi reel oltre ad essere disponibili nella home feed potranno essere caricati anche nei gruppi ed è stata introdotta una funzionalità non meno importante delle altre: si potrà facilmente seguire il creatore del video, mettere like, commentarlo e condividerlo con gli amici.

Riassunto delle funzionalità integrate con i Reel su Facebook

L’ingresso dei Reel su Facebook è un fuoco d’artificio di sorprese e tirando le somme su quello che potrete fare fin da subito, ecco un elenco riassuntivo delle funzionalità che sono già state rese disponibili:

  • Remix: Crea il tuo reel con quelli già esistenti prendendone spunto, puoi crearlo con una parte di esso o tutta la clip
  • 60 secondi di Reel: potrai realizzarli ma dalla durata massima di 60 secondi.
  • Salva in Bozza: potrai scegliere se condividere subito il tuo Reel o rimetterci sopra le mani in seguito, magari aspettando di avere altro materiale video o fotografico da aggiungere.
  • Video Clipping: Questa possibilità purtroppo non è ancora disponibile ma Meta promette che arriverà presto, si tratta di quella serie di strumenti che renderanno più facile (soprattutto ai Creator) di personalizzare i video di durata superiore ai 60 secondi.

Come sarà il futuro per i Reel su Facebook

Come sappiamo, il mondo dei social network è in continua evoluzione e se Facebook vuole raggiungere il passo degli altri competitors o del social “fratello” Instagram, deve necessariamente sviluppare delle integrazioni soddisfacenti per gli utenti, le imprese e i creators.

META ha già anticipato il work in progress per alcune funzionalità molto importanti, tra cui spicca il sistema di controllo dell’idoneità per i brand, ovvero delle particolari liste che permettono di gestire meglio il proprio business sulla piattaforme. Ecco alcuni esempi di liste e funzionalità che saranno rese disponibili a breve:

  • Lista degli editori;
  • Lista degli elementi bloccati;
  • Lista per i  filtri dei contenuti;
  • Report di pubblicazione per le inserzioni banner;
  • Gli adesivi su Facebook Reels. 

Si trattano di vere e proprie aggiunte che daranno man forte agli inserzionisti per controllare la collocazioni dei loro contenuti e potranno migliorare notevolmente la gestione delle attività di marketing online, l’analisi del pubblico sul social network e velocizzare i test dei contenuti.

Ma non finisce qui, il grande leader dei social network sta anche provando delle nuove inserzioni: prendono il nome di "inserzioni a tutto schermo" che a breve possono essere visualizzate tra un reel e un altro, proprio come le inserzioni delle Stories di Instagram. Gli utenti potranno commentarle, condividerle e mettere like così da aumentare l’engagement dei contenuti e la visibilità delle inserzioni commerciali.

Concludendo

Sebbene Meta abbia avuto un enorme successo nel “copiare” le funzionalità dei suoi rivali e in molti casi anche ad acquisirli, come nel caso di Instagram, il dubbio degli esperti rimane sempre lo stesso: riuscirà il social network  a tenere testa alle nuove piattaforme come TikTok?.
Un altro dubbio molto comune riguarda la possibilità per la piattaforma di conquistare le nuove generazioni di utenti che, come dicono i dati, rappresentano la percentuale di utenti meno attivi.

Per avere una risposta a tutte queste domande dobbiamo, come sempre, aspettare e interagire con tutte le novità proposte dal grande colosso dei social network. Tuttavia, mostrare sempre più attenzione nei confronti dei content creation potrebbe essere la strategia giusta per conquistare gli utenti della Generazione Z

Ricordiamo, infatti, che secondo le statistiche le nuove generazioni rappresentano gli utenti più attivi dei social network e anche i più propensi ad acquistare direttamente dagli shop integrati nelle piattaforme. Non a caso, l’utilizzo degli shop sui social network da parte delle piccole e medie imprese online è una tendenza in forte crescita negli ultimi mesi.