Marketing

Reputazione Online e Seo: brand awareness e brand reputation

Reputazione online Seo
Contenuto curato da Massimo Chioni

La reputazione online e la brand awareness rappresentano due parametri di fondamentale importanza per la crescita di un'azienda. La brand awareness coincide con la riconoscibilità del marchio o la sua notorietà: indica, in sostanza, quanto i clienti conoscano i prodotti e siano in grado di riconoscerli.

Il rapporto tra brand awareness, brand reputation e SEO

Definire i concetti di brand reputation e di brand awareness è importante non solo per cogliere la loro importanza, ma anche per comprendere quanto sia fondamentale una accurata attività di Inbound SEO. Non ha senso puntare tutto sulla brand awareness, magari destinandole anche investimenti di una certa entità, se prima non ci si preoccupa di effettuare un'analisi del livello di reputazione online che il nostro brand detiene. Il raggiungimento di un livello di reputazione digitale di eccellenza è possibile solo con la pianificazione, la messa a punto e l'attuazione di strategie mirate che coinvolgano tanto i motori di ricerca quanto i social network.

Perchè avere una buona reputazione online è così importante

I clienti di un'azienda che vanta livelli elevati di brand reputation e brand awareness vengono messi nelle condizioni di individuare i prodotti di cui hanno bisogno con più facilità (ma lo stesso vale anche per i servizi, se si parla di marchi che forniscono servizi e non beni). E' indispensabile che i clienti si identifichino nei valori del brand: ciò è alla base di un processo di fidelizzazione. Un business che miri a uno sviluppo economico prolungato e consistente non può prescindere da una buona brand awareness, la quale a sua volta dipende dall'aumento della visibilità e del traffico su Internet. Nel momento in cui la reputazione digitale di un'azienda migliora, è inevitabile che i suoi clienti aumentino e che lo stesso accada anche con le conversioni in vendite e il suo volume d'affari.

Reputazione online e Seo

Per il miglioramento della reputazione online c'è bisogno di una strategia di inbound marketing in cui uno dei punti di forza sia costituito dalla SEO. L'inbound marketing include l'insieme di attività che hanno lo scopo di promuovere un certo prodotto o un certo servizio nei confronti di uno specifico target che ha mostrato interesse per quel che viene promosso o comunque per ambiti non distanti. Tramite l'inbound marketing si ha l'occasione di sfruttare gli strumenti digitali per lo storytelling dell'azienda, ma non solo: tra gli obiettivi che devono essere perseguiti ci sono anche la creazione di un confronto tra gli utenti e la nascita di un rapporto dialogico tra azienda e clienti. Deve essere chiaro, comunque, che la SEO non è il solo strumento a cui si possa fare riferimento per la costruzione di una web reputation e la sua crescita: tra gli altri ci sono anche il content marketing, le newsletter, gli ebook, i blog, i webinar (cioè i seminari tenuti sul web) e, naturalmente, i social network.

Leggi anche il nostro approfondimento sul vantaggi del Content Mktg.

La differenza tra la brand awareness e la brand reputation

Mentre la brand awareness può essere definita come un parametro che è correlato alla conoscenza del marchio, la brand reputation ha a che fare con l'apprezzamento che quel marchio suscita attraverso i suoi servizi e i suoi prodotti. La cosiddetta reputazione del marchio, quindi, non riguarda unicamente gli standard di qualità che caratterizzano i prodotti, ma anche e soprattutto le modalità di interazione tra l'azienda e i suoi clienti. C'è modo e modo per stabilire un rapporto con il proprio pubblico e tenerlo vivo: solo se le attitudini e le relazioni in questione danno vita a una reputazione online SEO più che buona si può dire di aver raggiunto il proprio obiettivo.

La classifica di David Allen Aacker

Un economista degli Stati Uniti di nome David Allen Aacker, che si occupa di marketing, ha concepito una graduatoria che permette di individuare la posizione di un marchio così che sia possibile trovare le strategie migliori in un'ottica di brand awareness. Aacker ha delineato uno schema a piramide che si basa su quattro fasce differenti: il livello più basso è rappresentato dall'assenza di conoscenza; dopodiché si sale verso la conoscenza media, la conoscenza forte e, infine, l'apice del successo, Top of Mind. Nel caso in cui un'azienda non raggiunta il livello auspicato, vuol dire che c'è bisogno di lavorare sulla SEO e, magari, anche sulle campagne SEM.

Posizione di un marchio - Piramide della brand awareness

Lascia un commento

Siamo media partner del Web Marketing Festival!

Acquista il biglietto entro la mezzanotte di venerdì 24 utilizzando il nostro codice sconto: wmf199emed.
Potrai usufruire del prezzo ridotto di €199+iva (anziché €249+iva)